Home ATTUALITA’ Borghi storici, la Regione Lombardia stanzia 30 milioni per il recupero

Borghi storici, la Regione Lombardia stanzia 30 milioni per il recupero

220

Trenta milioni di euro da destinare a interventi pubblici su aree e immobili di proprietà pubblica e di pubblico interesse. È la dotazione economica di un bando, che sarà pubblicato entro i prossimi tre mesi, i cui criteri sono stati approvati dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni. “Grazie ai fondi previsti dal ‘Piano Lombardia’ del presidente Fontana – ha sottolineato Foroni – finanzieremo gli interventi per la riqualificazione urbana e territoriale dei borghi storici in un’ottica di sviluppo locale e valorizzazione del turismo culturale. Azioni mirate anche alla ripresa economica del territorio lombardo a seguito dell’impatto negativo dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Il bando è rivolto ai Comuni lombardi fino a 30.000 abitanti che abbiano un centro storico o un borgo antico o una frazione dell’abitato con un patrimonio di oltre il 70% di edifici risalenti a prima del 1939, apprezzabile per qualità urbanistica e architettonica, per il quale ci sia la volontà di valorizzazione, sviluppo, promozione e animazione del patrimonio.

L’iniziativa prevede recupero, riqualificazione e adeguamento funzionale, strutturale e impiantistico di immobili e di beni pubblici del patrimonio storico, culturale, architettonico e archeologico; la riqualificazione di spazi pubblici e di aree verdi urbane e il miglioramento dell’accessibilità e della mobilità; le infrastrutture per l’erogazione dei servizi di informazione e comunicazione per l’accoglienza, volti a favorire la fruizione del patrimonio culturale.

“Abbiamo previsto un investimento minimo per ciascuna domanda di contributo – ha spiegato Foroni – di 100.000 euro, e un contributo massimo concedibile per beneficiario singolo o in forma associata di 1 milione di euro. Il contributo è previsto a fondo perduto, fino al 100% delle spese ammissibili, è cumulabile con eventuali altri finanziamenti pubblici concessi per le stesse opere o interventi, a qualsiasi titolo, da provvedimenti nazionali e dell’Ue ove non è prescritto il divieto di cumulo, ma non con eventuali altri finanziamenti regionali”.

Le domande dovranno essere presentate dai Comuni esclusivamente tramite la piattaforma ‘Bandi Online’. I lavori dovranno iniziare entro il 30 novembre 2021 e il collaudo – se previsto – o ‘Certificato di regolare esecuzione’ dovranno essere presentatati entro il termine del 20 novembre 2022. “Le tempistiche – ha detto in conclusione l’assessore Foroni -, vista l’urgenza di rilanciare rapidamente gli investimenti pubblici a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, sono stringenti sia per gli Uffici regionali competenti, che dovranno preparare il bando e procedere alla selezione degli interventi in tempi brevi, sia per i Comuni, che dovranno presentare istanza e procedere altrettanto tempestivamente con i lavori”.

Fonte: MilanoToday

Articolo precedenteMilano: si cercano 18 taxi per trasportare i positivi al Covid fuori dagli ospedali
Articolo successivoMonza “zona gialla” da domenica