Home VARIE Lo stipendio di 3,96 euro all’ora è incostituzionale: azienda condannata dal tribunale

Lo stipendio di 3,96 euro all’ora è incostituzionale: azienda condannata dal tribunale

167

Percepiva uno stipendio inferiore al reddito di cittadinanza, 640 euro netti, e nonostante l’applicazione del contratto nazionale di settore la paga oraria effettiva – 3,96 euro all’ora – la faceva vivere addirittura sotto la soglia di povertà, stimata dall’Istat a 840 euro. Per questo il giudice del lavoro di Milano ha condannato una importante società di vigilanza privata stabilendo che la paga era anti Costituzionale ai sensi dell’articolo 36 della Carta che sancisce come “il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

A sostenere la dipendente nella causa il sindacato Adl Cobas: la donna era impiegata a Padova nel servizio di portierato in un magazzino della grande distribuzione. E sempre nel capoluogo euganeo sarebbero pendenti un’altra ventina di cause simili, spiega Mauto Zanotto, di Adl Cobas. “Non solo in aziende private, – afferma – ma anche in settori del pubblico impiego”.

Con la sentenza in favore della lavoratrice, il giudice Tullio Perillo, ha condannato la società di vigilanza a pagare un risarcimento di 372 euro lordi in più per ogni mese – per un totale di oltre 6.700 -, ovvero il differenziale tra la paga versata e quella prevista per un servizio di portierato. “È una vittoria storica – aggiunge Zanotto di Adl Cobas . che apre la strada anche ad altri lavoratori nella stessa situazione in Italia, circa 100mila”.

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte: “Cifre come questa non permettono di vivere una vita dignitosa: sono paghe da fame”. Anche il Capogruppo di Alleanza Verdi e Sinistra in commissione Lavoro della Camera, Franco Mari, sottolinea come “dopo la sentenza del giudice del lavoro di Milano tocca al Parlamento: Le opposizioni hanno il dovere di fare una sintesi, non al ribasso, tra le cinque proposte di legge sul Salario Minimo in discussione”.

Fonte: MilanoToday

Articolo precedentePubblicano sul web i video dei figli nudi di 5, 8 e 9 anni: “Scene di vita quotidiana” e i genitori finiscono a giudizio
Articolo successivoBadanti professionali