Home LORENTEGGIO Milano: prevista riqualificazione urbana dal quartiere Lorenteggio

Milano: prevista riqualificazione urbana dal quartiere Lorenteggio

65
0

Palazzo Marino ha presentato nei giorni scorsi un progetto di riqualificazione urbana del quartiere milanese di Lorenteggio. Per la sua realizzazione è previsto lo stanziamento di un importo che supera i due milioni di euro.

I beneficiari del finanziamento sono gli abitanti del quartiere e tutti coloro che vogliono investire sul futuro della zona con attività di qualsiasi genere.

Come ha riferito l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani: “Per incidere sulle capacità di sviluppo di un quartiere non basta un’unica azione. La lettura che con le realtà del territorio abbiamo provato a dare di Lorenteggio ci ha suggerito di valorizzare il ricco tessuto sociale e di innestarlo di capacità economica. Stiamo provando a consegnare ad ognuno una via il più possibile modellata sulle necessità individuali per agganciare un buon lavoro, che sia dipendente o di natura imprenditoriale, purché parta dalle capacità delle persone, le faccia crescere e ne liberi le energie. Dunque formazione, accompagnamento, sostegno economico a chi si mette in gioco, ma anche aiuti al tessuto delle imprese di prossimità come sta già avvenendo in altre zone della città grazie a iniziative come La Scuola dei Quartieri. Ora serve l’azione di tutti per portare l’informazione e le risorse là dove servono

Cosa prevede il progetto nello specifico

Sicuramente si tratta di un lavoro complicato, perché riguarda realtà diverse tra loro che dovranno armonizzarsi per creare risultati concreti, ma tutto sarà svolto tenendo sempre in considerazione i cittadini che abitano il quartiere e le reti locali, che servono per realizzare interventi che incidano nel futuro.

La riqualificazione urbana del quartiere Lorenteggio è il risultato di un accordo di programma stipulato tra Comune di Milano, Regione Lombardia e Aler Milano.

Il programma di intervento prevede un sostegno alle politiche attive del lavoro, con particolare riferimento ai soggetti più fragili e ai disoccupati, e un aiuto all’autoimprenditorialità con percorsi di formazione e professionalizzanti.

L’avviso sarà pubblicato nei primi mesi del nuovo anno, e si rivolge ad imprenditori e aspiranti tali, ai quali sarà stanziato un contributo a fondo perduto di importo massimo di 100 mila euro.