Home EVENTI & CULTURA Milano: novità e prospettive di un Salone del Mobile senza Cinesi

Milano: novità e prospettive di un Salone del Mobile senza Cinesi

57
0

Il Salone del Mobile è uno degli appuntamenti milanesi di respiro internazionale, che ogni anno richiama tantissimi visitatori. L’edizione 2020, però, si preannuncia particolarmente innovativa. La kermesse dedicata all’arredamento e agli accessori si terrà alla Fiera Milano a Rho dal 21 al 26 Aprile prossimo. Si tratta di una “vetrina” assolutamente imperdibile per designer, creativi, aziende e brand che vogliono promuoversi e farsi conoscere in Italia e all’estero.

Anche quest’anno le prospettive sono abbastanza interessanti: sono attesi infatti più di 2.200 espositori, e molti sono giovani designer e creativi italiani under 35. Torna il SaloneSatellite interamente dedicato agli under 35 con il tema “Progettare i nostri domani”. L’obiettivo del Salone del Mobile di quest’anno è anche quello di attirare il più possibile i giovani, perché come appunto ci ha tenuto a sottolineare il sindaco Beppe Sala- Milano è soprattutto una città di studenti universitari.

Si prevede però un Salone del Mobile senza la partecipazione della Cina tra gli espositori. Anche i visitatori cinesi verranno meno per effetto del Coronavirus. E sarà una grande perdita, dato che dalla Cina arrivavano a Milano circa trentamila visitatori.

Ecco cosa ha dichiarato il Presidente Claudio Luti a proposito dell’edizione 2020 del Salone del Mobile: “La ricerca costante della bellezza, intesa come insieme di fattori, sarà la chiave di volta che consentirà al Salone di rafforzare la propria leadership globale nei prossimi anni e di anticipare i futuri stili di vita“.