Home ATTUALITA’ Covid, al San Paolo di Milano più di un medico di base...

Covid, al San Paolo di Milano più di un medico di base su quattro ha detto no al vaccino

88
0

C’è chi dice no. All’Asst Santi Paolo e Carlo di Milano, l’azienda sanitaria che gestisce gli ospedali San Paolo e San Carlo, il 28% dei medici di base ha deciso di non partecipare alla campagna di vaccinazioni anti covid e, di conseguenza, di non farsi iniettare il siero Pfizer.

A renderlo noto è stato il direttore generale dell’Asst, Matteo Stocco, che domenica, in una nota, ha fatto il punto della situazione. I dottori e pediatri di base assegnati al San Paolo e San Carlo sono 316, più gli eventuali assistenti di studio, e a tutti loro è stata richiesta l’adesione alla campagna vaccinale. “Di questi il 28% ha dichiarato la non adesione – ha spiegato Stocco – e dall’8 gennaio, giorno di avvio delle vaccinazioni per questa categoria, a seguito delle prenotazioni confermate, alla data del 12 gennaio avremo 139 medici e 37 assistenti di studio vaccinati”.

I lavori, comunque, vanno avanti e nelle due strutture i vaccini vengono somministrati ogni giorno, dalle 9 alle 21, con due ambulatori dedicati, che restano aperti anche nelle giornate di sabato e domenica.

“Fino al 9 gennaio sono state vaccinate 2.282 persone tra personale dipendente, sanitario e non, specializzandi, tirocinanti, ditte fornitrici, personale universitario”, si legge nel comunicato diffuso dall’Asst. L’obiettivo è arrivare a 5.000 vaccinazioni per il personale dei due ospedali e 11.000 per le Rsa, medici di famiglia e pediatri di libera scelta.

Fonte: MilanoToday